SALVINI SULLA OPEN ARMS: «C’ERA TOTALE ACCORDO CON PREMIER. ANCHE INCHIESTA SU FONTANA E’ RIDICOLA»

Home POLITICA SALVINI SULLA OPEN ARMS: «C’ERA TOTALE ACCORDO CON PREMIER. ANCHE INCHIESTA SU FONTANA E’ RIDICOLA»
SALVINI SULLA OPEN ARMS: «C’ERA TOTALE ACCORDO CON PREMIER. ANCHE INCHIESTA SU FONTANA E’ RIDICOLA»

 

 

MILANO – «C’era il totale accordo con il Presidente del Consiglio: il divieto ingresso nelle acque italiane di questa nave spagnola era a firma mia, del ministro dei Trasporti Toninelli e del ministro della difesa Trenta. Possono anche processare un uomo, ma non potranno mai arrestare le nostre idee e la nostra voglia di Libertà? Io non mollo»: lo scrive Matteo Salvini su Facebook.

«Se davvero come soluzione agli sbarchi che sono triplicati pensano di cancellare i decreti sicurezza allora sono da ricoverare. Allora non è incapacità è complicità. Abbiamo dei complici di trafficanti di essere umani ed è grave: il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina questo sì che è un reato vero, non il mio processo per sequestro di persona».

Salvini ha poi fatto cenno all’inchiesta sui camici che coinvolge il governatore lombardo Attilio Fontana: «E’ ridicola come la mia: è l’unica inchiesta su una donazione. In mezza Italia ci sono inchieste da fare su soldi spesi per comprare materiali, questa è una inchiesta sulla donazione di camici. Dal mio punto di vista è surreale ed solo l’ennesimo attacco alla Lega, alla Lombardia e a Fontana. I lombardi hanno reagito eroicamente alla bomba che gli è scoppiata in casa, quindi io posso solo dire che medici, amministratori, sindaci più che processi meritano attenzione e affetto per quello che hanno fatto. Ho visto che anche il San Matteo di Pavia è indagato, ma averne di ospedali così. Qualcuno li infama, io li ringrazio».

Leave a Reply

Your email address will not be published.