«IL VIRUS E’ IN LETARGO»: STAVOLTA ZANGRILLO PROVA A NON FARSI STRUMENTALIZZARE

«IL VIRUS E’ IN LETARGO»: STAVOLTA ZANGRILLO PROVA A NON FARSI STRUMENTALIZZARE

MILANO – «Il virus è in letargo. Il Pronto soccorso del San Raffaele è pieno di pazienti con altre malattie, non esistono fortunatamente pazienti con insufficienza respiratoria da Sars-CoV-2. Questo per me vuol dire che il virus è clinicamente… in letargo. Vogliamo dirla così? Può darsi che si risvegli? Speriamo di no». Alberto Zangrillo, direttore dell’Unità operativa di anestesia e rianimazione generale prova a non farsi strumentalizzare. Un anno fa quando affermò che il virus era «clinicamente morto» fu polemica feroce.  «Non rinnego nulla, la traduzione che venne fatta di quella frase fu volutamente maliziosa – precisa –  il virus esiste come esistono centinaia di virus. Adesso stiamo cercando questo, quindi troviamo questo. Però se ne cercassimo altri ne troveremmo altri, e quello che è certo è che dobbiamo affrontarlo con attenzione, evitando di fare le cassandre, ma anche di fare degli indovini».

Leave a Reply

Your email address will not be published.