UN MILIONI DI POVERI IN PIU’: L’ASSISTENZIALISMO NON BASTA

UN MILIONI DI POVERI IN PIU’: L’ASSISTENZIALISMO NON BASTA

ROMA . «Un milione di poveri in più, indicati dall’Istat nel primo anno di pandemia, sono numeri da brivido. Da 4,6 milioni di poveri nel 2019 a oltre 5,6 nel 2020, praticamente escludendo i bambini si tratta di due italiani su dieci. Nuova povertà che riguarda oltre 2mln di famiglie e che ha colpito maggiormente autonomi e le partite Iva. 

È il fallimento del reddito di cittadinanza, provvedimento bandiera dei 5 Stelle, che per usare le parole di Di Maio avrebbe dovuto ‘abolire la povertà’ ma così non è stato. Una misura improduttiva con gran parte dei poveri rimasti esclusi dalla copertura mentre i ‘non poveri’ – tra cui furbetti e perfino terroristi e boss mafiosi – ne hanno beneficiato. 

Una distorsione sociale che non può contenere l’emergenza strutturale che in questo anno e mezzo di pandemia ha visto migliaia di imprese chiudere, lavoratori perdere il posto di lavoro e dipendenti finire in cassa integrazione. L’assistenzialismo continua a essere la degenerazione di un intervento che dovrebbe aiutare a crearsi un reddito e non sostituirlo. Per far ripartire l’Italia e sconfiggere la povertà occorre creare nuova ricchezza attraverso investimenti pubblici, abbattimento tasse, semplificazione, crescita e posti di lavoro». Lo dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.